Grazie Martina, Alberto e Oney

martina caironi

Questo editoriale vogliamo dedicarlo a tre persone speciali, tre atleti straordinari che alle recenti Paralimpiadi di Rio De Janeiro ci hanno fatto emozionare, tifare, gioire e ci hanno resi orgogliosi di essere italiani e bergamaschi. Loro sono Martina Caironi, ventisettenne di Borgo Palazzo, che ha conquistato la medaglia d'oro nei 100 metri T42, centrando la seconda medaglia dopo il trionfo di Londra 2012 (oltre a un argento nel salto in lungo), Alberto Simonelli, arciere quarantanovenne di Gorlago, atleta delle Fiamme Azzurre, che a Rio è salito sul secondo gradino più alto del podio nella gara di compound open individuale e Oney Tapia, quarantenne italocubano, trevigliese di adozione, vincitore nel disco.

Tre esempi di grandissima tenacia, forza di volontà, determinazione. Non solo perché hanno affrontato a testa alta e vinto la loro disabilità, ma perché lo hanno fatto con una mentalità da veri campioni. «Al di là delle medaglie, spero che questa Paralimpiade apra definitivamente il cervello a tutti: la disabilità è solo una delle infinite variabili dell’esistenza umana». È in queste parole di Martina, dette al quotidiano “L’Eco di Bergamo” prima della partenza per Rio, che si riassume il senso delle Paralimpiadi e in generale della vita. Imparare ad accettare e trasformare in punti di forza le “infinite variabili dell’esistenza”. Senza vittimismo, senza pietismo, solo con la voglia di farcela. Proprio come hanno fatto Martina, Alberto e Oney. L’augurio è che ognuno di noi, nel suo piccolo e di fronte alle sfide - diverse per ognuno - che la vita inevitabilmente ci pone, possa avere un po’ della loro forza per vincere le proprie… Paralimpiadi!

ELENA BUONANNO
DANIELE GERARDI

Bergamo Salute n. 45

Questo sito utilizza cookie

propri e di terze parti, per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Proseguendo si accetta l'uso dei cookie. Per dettagli e rifiuto dei cookie clicca qui

Approvo
Non mostrare più