Una finestra sul mondo della demenza

demenza

Il percorso del Virtual Dementia Tour ®
La perdita delle autonomie quotidiane della persona che vive la demenza richiede alla sua famiglia un intervento che consenta di mantenere il più possibile relazioni attive nella quotidianità. La sfida che oggi ci troviamo ad affrontare a livello sociale, quindi, è: come può il territorio supportare gli anziani e le loro famiglie in un bisogno che va oltre l’assistenza di tipo sanitario e coinvolge in modo pieno la sfera della quotidianità delle persone non più autosufficienti? Anche con progetti innovativi come il Virtual Dementia Tour® (VDT®), un percorso esperienziale, originale e scientificamente provato per costruire una maggiore comprensione del tema della demenza, ideato da P.K. Beville M.S, specialista in geriatria e fondatrice di Second Wind Dreams®, organizzazione internazionale no profit, con sede a Roswell (Georgia). è stata riconosciuta come la numero uno negli Stati Uniti nell’impegno per trasformare la percezione dell’invecchiamento attraverso la realizzazione dei sogni per le persone anziane. A oggi il VDT è stato sperimentato da oltre due milioni di persone in 20 Paesi nel mondo. In Italia, la diffusione del VDT è stata affidata in esclusiva e per la prima volta all’Associazione InsiemeAte Onlus, un’impresa sociale che fornisce assistenza domiciliare a favore di persone fragili e delle loro famiglie, per garantire benessere e qualità della vita all’interno della propria casa. «Durante l’esperienza del VDT, facilitatori qualificati guidano i partecipanti, equipaggiati con dispositivi brevettati che alterano i loro sensi, mentre cercano di compiere comuni mansioni quotidiane ed esercizi» spiega Paola Brignoli, direttore operativo dell’Associazione InsiemeAte Onlus «il VDT permette ai caregiver di sperimentare in prima persona le difficoltà fisiche e mentali che le persone con demenza devono affrontare quotidianamente e di usare a loro volta questa esperienza per fornire una migliore assistenza centrata sulla persona (Person-Centred-Care)». Il progetto coinvolgerà gli operatori professionalmente deputati all’assistenza delle persone anziane, le famiglie e il contesto sociale in cui la persona fragile vive, nello specifico.

> Nell’ambito professionale di assistenza e cura delle persone anziane. Il VDT è ideato per la formazione del personale in contesti clinici e/o educativi (operatori di RSA, case di riposo, servizi a domicilio, scuole di medicina, organizzazioni specializzate nell’assistenza anziani etc.) al fine di offrire una visione in grado di modificare la prospettiva e le modalità con cui lo staff si approccia al tema dell’assistenza alla persona. La conclusione è che la qualità della vita degli assistiti migliora e i caregiver possono beneficiare di una riduzione del numero di situazioni gravose e di un miglioramento nella relazione.

> All’interno della Comunità. Il Virtual Dementia Tour è stato sviluppato anche per mostrare a tutti uno scorcio del mondo della demenza e consentire di comprenderla per elaborare consapevolezza e informazioni necessarie in qualsiasi contesto in cui venga sperimentata la demenza (lavoro, famiglia etc.).

«La partnership tra Second Wind Dreams e InsiemeAte consentirà quindi di utilizzare un approccio metodologico scientifico e certificato, ovvero operare con strumenti validi e riconosciuti per la sensibilizzazione di tutti gli attori della rete sociale con cui si interfaccia la persona che quotidianamente vive il tema della demenza» conclude Paola Brignoli.

Quando la demenza colpisce, colpisce l’intera Comunità, non solo l’individuo”

a cura DI FRANCESCA DOGI

INSIEMEATE ONLUS
Via Francesco Baracca 28
San Paolo d’Argon BG
Numero verde 840 000 640
info@insieme-a-te.it
www.insieme-a-te.it
Informazione Pubblicitaria

 

Bergamo Salute n. 45

Questo sito utilizza cookie

propri e di terze parti, per il funzionamento e la raccolta di dati anonimi sulle visite. Proseguendo si accetta l'uso dei cookie. Per dettagli e rifiuto dei cookie clicca qui

Approvo
Non mostrare più